Riforma contabilità pubblica, novità su ripiano del maggior disavanzo

Il processo di riforma degli ordinamenti contabili pubblici, in direzione della cd. armonizzazione contabile, al fine di rendere i bilanci omogenei, confrontabili ed aggregabili nonché a fini di controllo dei conti pubblici nazionali, prosegue nella sua applicazione concreta, anche nelle PA locali.

A tal proposito,  per chiarire i criteri e le modalità di ripiano dell’eventuale maggior disavanzo di amministrazione derivante dal riaccertamento straordinario dei residui e dal primo accantonamento al fondo crediti di dubbia esigibilità (di cui all’art. 3, comma 7, del d.lgs. 118/2011), il Ministero dell’Economia e delle Finanze, di concerto con il Ministero dell’Interno, ha emanato il Decreto attuativo del 2 aprile 2015.

Per approfondimenti:
– Decreto attuativo del 2 aprile 2015;
Aspetti rilevanti sull’argomento, nel mio articolo: Comuni, si cambia: per “amministrare bene” sempre più necessario “programmare bene”.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *